Francaise
English

ALBENGA E IL SUO ENTROTERRA | WHALE WATCHING | MANIFESTAZIONI | LINKS | GROTTE DI TOIRANO | GALLERY | ALASSIO


L'ISOLA GALLINARA

Con i suoi 11 ettari di superficie (altezza massima 87 metri, lunghezza 470. larghezza 450) la Gallinara viene rappresentata sulle carte geografiche come un punto appena visibile, ma è l'unica, vera isola della Liguria.
Le altre - il Tino, Bergeggi, la Palmaria - sono, al suo confronto, semplici scogli ancora legati alla terraferma da un cordone ombelicale che qui, invece, il morso delle correnti ha troncato di netto, facendo spazio a un canale profondo in media 12 metri e largo circa un chilometro e mezzo. Un'isola vi si adagia simile a una vecchia testuggine acquattata tra le onde, in posizione equidistante da Albenga ed Alassio che le stanno di fronte. Con una barca a motore la si può raggiungere in dieci minuti, un rematore robusto vi impiega un’ora. Ma quanti abitanti della Riviera vi hanno messo piede? Uno su mille, ad essere generosi, per confermare la regola, solo in apparenza paradossale, che vuole le isole più piccole o più vicine alla costa meno conosciute delle isole maggiori. Che la Gallinara rimanga inaccessibile non è dovuto solo alla pigrizia che spesso fa rimandare l'esplorazione di un luogo da sempre familiare alla vista o all’incoercibile preferenza accordata ai viaggi esotici capaci di spingerci verso mete sempre più lontane, ma sicuramente meno ricche di storia. Esistono anche ragioni oggettive, come il fatto che, pur cambiando spesso proprietario, l’isola è rimasta sempre in mani private, incarnando anime di volta in volta diverse e l’una spesso cancellata dall’altra. Approdo di marinai fenici, greci e romani fin dalla più remota antichità, ospitò nel Medioevo uno dei più importanti monasteri benedettini dell’Italia settentrionale, dotato di vasti possedimenti anche in Francia e in Spagna. Nel 1586 il podestà di Albenga Galeazzo Di Negro vi fece erigere, in funzione di avvistamento contro le scorrerie saracene, il bianco torrione circolare che ancora oggi svetta sulla sua sommità. Negli anni della seconda guerra mondiale un battaglione della Wehrmacht scavò nelle sue viscere un rete di gallerie che sfociavano su numerose piazzuole per mitragliatrici antiaeree. Solo nei primi anni 60 l’isola fu dotata di un approdo finalmente sicuro, perché l'industriale genovese Riccardo Diana, che ne era proprietario, costruì, a fianco della vecchia darsena, le banchine del porto con enormi scogli strappati a Capo Mele, provvedendo anche a farvi pervenire corrente elettrica e acqua potabile attraverso cavi sottomarini che, nel corso degli anni, sono stati divelti dai pescherecci. Nel 1988 l’isola è stata dichiarata parco regionale protetto, senza però che alcun ente pubblico abbia mai contribuito alle spese per la sua salvaguardia, che gravano totalmente sulla Gallinaria S.p.A.. l’attuale proprietaria dell’isola con sede a Cuneo (piemontese è anche la quasi totalità dei soci). Un guardiano vive in permanenza alla Gallinara, col compito di preservarla dagli incendi mantenendo in perfetta efficienza gli oltre 10 chilometri di sentieri che l’attraversano e di difenderla dall’assalto indiscriminato dei turisti, deleterio per l’integrità di un ambiente che si è sviluppato al riparo da ogni condizionamento umano, garantendo all’isola lo status di un piccolo paradiso naturalistico per molti versi ancora da scoprire. Nel 1982 il botanico F. Orsino aveva elencato 27 diverse entità vegetali, con specie rare risalenti al terziario che la mitezza del clima aveva posto al freddo, della piena luce e della penombra, della piena aria e del rifugio, dell’estroversione e della chiusura. Accanto ai gabbiani, vanno almeno citati il cormorano e il colubro lacertino, un serpente molto raro. La loro presenza ci ricorda che proprio dal regno animale bisogna partire per comprendere, anche se in sommi capi, la storia della Gallinara. Chiamata dai rivieraschi semplicemente l’isola (isura in dialetto locale), sulle carte geografiche è indicata come Gallinara, anche se i puristi vorrebbero tornare al suo nome originario, quello di Gallinaria che ci hanno trasmesso le fonti latine. E' di questo avviso, per esempio, Nino Lamboglia, il fondatore dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, che a proposito taglia corto:
“La grafia Gallinara. spesso usata, non ha tradizione storica nè base linguistica”. A conforto della propria tesi cita, invece, due grandi scrittori romani di agricoltura, Terenzio Varrone e Lucio Columella. Entrambi citano la nostra isola per ricordare l’esistenza di numerose galline selvatiche o inselvatichite, da cui la Gallinaria appunto avrebbe preso il nome, sfuggite forse dalla stiva di qualche imbarcazione e poi liberamente riprodottesi. Battezzare le isole con nomi animali, del resto, era un vezzo tutto romano. Capri, Caprera e Capraia, per esempio, alludono all’esistenza delle capre e Cunicularia era il nome che Plinio aveva dato alla Maddalena, infestata dai conigli.
Come le antiche tribù ingaune, di cui Albenga era la capitale, chiamassero l’isola prima della conquista romana resta un mistero impenetrabile, perché il nome originario - come sempre accade - è scomparso nella voragine che ha inghiottito la lingua dei vinti. Del pari ignoriamo l’appellativo usato dai marinai greci diretti alla colonia focese di Marsiglia che certamente cercarono alla Gallinara riparo dalle tempeste, come facevano i “corsari liguri: così i romani definivano gli abitanti della costa che si opposero alle loro legioni per ben 200 anni, fino al 181 a.C. L’avvento di Roma consacra Albenga, trasferitasi dalla collina sulla riva del mare, come un grande emporio marittimo. Per mezzo millennio la città si arricchisce grazie ai commerci navali e anche l’isola acquista nuova importanza come riparo delle imbarcazioni che attendono a ridosso delle sue scogliere il momento propizio per entrare nel porto ingauno. Qualcuna. nonostante tutto, non riesce ad evitare il naufragio e si deposita nei fondali. Nel 1950 Nino Lamboglia recupera, servendosi dell'Artiglio, alcune grandi anfore usate per il trasporto del vino da uno scafo affondato nel primo secolo d.C.: la nave, un vero e proprio portacontainers dell’antichità, poteva ospitarne nel suo ventre fino a 10.000. È il primo scavo effettuato in mare su un relitto romano e tiene a battesimo - ha osservato Josepha Costa Restagno, altra appassionata studiosa delle vicende ingaune - una nuova scienza:
l’archeologia sottomarina, che trova la propria culla nelle acque cristalline dell’isola. La pax romana termina in Liguria tra la fine del IV e l’inizio del V secolo, Albenga, come altre città della regione, viene saccheggiata e distrutta dai Goti. Ha la fortuna, però, di essere immediatamente ricostruita da Costanzo, uno dei più valorosi generali dell’imperatore Onorio, di cui ha sposato la sorella Galla Placidia, famosa per il mausoleo che a Ravenna porta il suo nome. Costanzo salirà a sua volta al trono, seppure per breve tempo. Gli esametri incisi su una lapide del 417 gli attribuiscono il merito di aver restituito ad Albenga una posizione di preminenza fra le città dell’Impero. Egli stesso avrebbe tracciato i nuovi confini della cinta muraria e provveduto a far erigere più splendidi i moli del porto, le abitazioni, gli edifici religiosi. Una volta tanto l’iperbole non è esagerata. Le mura di Costanzo reggono impavide l’assalto del tempo e ad esse si deve se Albenga si e conservata intatta con le sue torri e i suoi grandi palazzi dal Medioevo ai nostri giorni.
La città cade, risorge, mentre l’isola sembra osseirvare impassibile il tumulto degli avvenimenti. Eppure anche in lei qualcosa è cambiato. Nell’autunno del 416, un anno prima della ricostruzione di Costanzo, veleggia nelle sue acque Rutilio Namaziano, un alto funzionario imperiale oriundo delle Gallie: da Roma, dov’era stato praefectus urbis, sta risalendo il Tirreno diretto al suo paese d’origine devastato dai Visigoti. I paesaggi stupendi e le squallide rovine che si alternano davanti ai suoi occhi gli danno spunto per scrivere “Il ritorno un poemetto di squisita fattura giustamente considerato come l’ultimo elogio funebre della romanità. Rutilio è rimasto inguaribilmente pagano, anche se il cristianesimo costituisce da tempo la religione ufficiale dell’impero: nella nuova fede egli scorge una delle principali cause del disfacimento, insieme alla pressione dei barbari e all’espansione del monachesimo.
In ogni isola del medio e alto Tirreno - dalla Capraia alle Lérins, vede pallide ombre rifugiarsi nelle grotte scavate dal mare. Sono anacoreti che Rutiio giudica deboli e rinunciatari, perché non osano opporsi ai barbari in campo aperto. Li bolla come Iucifugi, fuggiaschi dalla luce: non vuole o non può comprendere che, per la popolazione convertita al cristianesimo, essi rappresentano invece un modello di elevazione spirituale destinato ad avere larghissima influenza.
Anche alla Gallinara una piccola Comunità continua l’esperienza eremitica che, una cinquantina di anni prima, vi aveva avviato San Martino di Tours, poco prima di accingersi ad evangelizzare le Gallie: proprio dove si stava dirigendo Rutilio, contando di ritrovarvi radici ancor solide del mondo pagano.

[HOME] [SERVIZI] [PIAZZOLE] [GALLERIA FOTO] [ESCURSIONI] [LISTINO PREZZI]


L'ISOLA GALLINARA - Albenga Isola Gallinara

Dettaglio delle strutture
Dettaglio delle strutture sull'Isola

Speranza vana perché Martino aveva già pressoché convertito l’intero territorio, demolendo templi, costruendo monasteri e, soprattutto, allevando numerosi proseliti come Sulpicio Severo, destinato a diventare il suo biografo più accreditato, nonostante qualche esaltazione agiografica di troppo:
come ad esempio la leggenda che Martino fosse sopravvissuto alla Gallinara cibandosi esclusivamente con i fiori velenosi dell’elleboro. Giunto nell’isola da Milano per sfuggire alla persecuzione ariana, Martino conferma che il cristianesimo primitivo deve molto, in Liguria, ad esperienze monastiche già attive nel IV e V secolo grazie ai legami politici, economici e religiosi stabiliti con la Lombardia e le Gallie meridionali. In questo quadro, l’oscuro isolotto delle galline selvatiche si illumina di luce straordinaria perché Martino diventa ben presto uno dei santi più popolari della cristianità, nato in Pannonia, l’attuale Ungheria, nel 317, figlio di un tribuno militare e arruolato a sua volta nel corpo della guardia, testimonia il passaggio dall’età dei martiri - perfetta imitazione di Cristo nel loro sacrificio cruento - a un’epoca nuova, che assegna il primato alla vita ascetica e caritativa: chi non ricorda il gesto di Martino, che varcando a cavallo la porta di Amiens, recide con un colpo di spada il suo mantello per donano a un povero? Grazie alle sue capacità taumaturgiche, egli gode ancora in vita fama di santità, ma diventa enormemente popolare nel mondo delle campagne per il più gentile dei miracoli: quell’estate fuori tempo che porta il suo nome e, associata a un lembo di sole tra le nebbie incipienti, vale come richiamo simbolico alla nascita della nuova fede, confermato anche dal vino che comincia a ribollire proprio intorno all’ 11 novembre quando ricorre la festa del santo.
Ancora oggi, sull’isola, una grotta che guarda sul mare aperto viene indicata come il rifugio di Martino, a mezza via tra il capo “sciusciaù” (il soffiatore) e punta Falconara: Fraz Salsig, uno dei tanti nordici innamorati della Riviera, che vi penetrò nel gennaio del 1866, annota che al suo interno” rimangono ancora dei calcinacci e una specie di altare dell’antica cappella, su cui sono deposti gli ossami di uno scheletro umano L’esempio di Martino genera alla Gallinara una vita monastica lunghissima e fruttuosa. Si forma stabilmente un cenobio (il primo abate si insedia nel 500), la cui giurisdizione sì estende, via via, sulla terraferma, come polo irradiante per la promozione religiosa e civile delle popolazioni su cui esercita la propria influenza a partire da Alassio, Albenga, la valle di Andora e Porto Maurizio. Nel 1162, per ripararsi da un fortunale mentre è in fuga da Federico Barbarossa, approda nell’isola papa Alessandro III e poco dopo la pone sotto la diretta protezione della Santa Sede. Il monastero conosce in questi anni il suo periodo di massimo splendore, riceve donazioni di terreni in Provenza e in Catalogna. L’azione dei monaci non trascura la realtà economica. Molti studiosi attribuiscono ai Benedettini l’invenzione delle “fasce”, la coltivazione mediante la tecnica del terrazzamento che, nel corso dei secoli, ha spinto milioni di muri a secco dal mare fino alla montagna, per allevarvi alberi da frutta, cereali e soprattutto ulivi, particolarmente delle varietà “taggiasca”. Primi a promuoverne la coltivazione nel Ponente ligure. I Benedettini non avevano mancato di impiantarne una corona attorno al loro monastero più celebrato. Qua e là qualche esemplare sopravvive e ancora qualche decennio fa non aveva perso l’abitudine a fruttificare: l’olio dell’isola, anzi, era il primo a filtrare dai torchi in tutto il territorio albenganese, perché ricavato dalle piante esposte più favorite dall’insolazione. Dopo quasi un millennio di vita, il monastero comincia a decadere e viene definitivamente abbandonato nel 1473, quando Papa Innocenzo IV trasforma il monastero in commenda assegnata alla famiglia Costa. Nel 1680 la proprietà dell’isola passa al vescovo del capoluogo ingauno e nel 1866 monsignor Raffaele Biale - suscitando molte lamentele nella popolazione - vende l’isola al banchiere di Porto Maurizio Leonardo Gastaldi che si autodefinisce pomposamente “Signore dell’isola”. Nel 1905 la proprietà passa a Michele Riccardi che fa costruire la chiesetta neoromanica intitolata naturalmente a San Martino e ancor oggi visibile. Il resto, quando diventa proprietario dell’isola Riccardo Diana, è storia nota: oltre al porto, egli fa costruire nel punto più panoramico una splendida villa dotandola di saloni per ricevimenti e di una grande piscina. E l’ultimo atto di una serie di iniziative che rendono quasi irriconoscibile il passato. Quando si spegne sull’isola la vita claustrale, l’abbazia - con le sue mura, il chiostro, le piccole celle strette vicino all’altare - viene progressivamente inghiottita da costruzioni completamente diverse. L’una cancella l'altra, nel perenne alternarsi di vita e morte che costituisce la legge non scritta della Gallinara. Il solo frammento del monastero scampato alla distruzione è la parte in apparenza più fragile: il muro a secco innalzato per proteggere il camposanto.
Nessuno ha osato profanare il riposo dei vecchi abati che dormono il loro sonno eterno in fronte al mare. L’isola che oggi si presenta ai nostri occhi, manda però anche segnali di vita: il porticciolo incontaminato: la casetta del guardiano, con la sua barca e i suoi cani (ogni uomo, in un’isola, è al tempo stesso Robinson e Ulisse, con il suo Argo fedele» il cancello dipinto di bianco che apre la strada verso la vetta: e, benché in abbandono, villa Diana con i suoi agili terrazzini liberty, i suoi balconi aperti sul Tirreno, le giare, il salone dove si specchiano ancora due grandi anfore recuperate dall'Artiglio. Vicino a quello che un tempo era il salone del bigliardo, tra i rami di un glicine con torto, si legge su una vecchia lapide il motto latino: “Spes et fortuna, valete./Sat me luditis, ludite nunc aIios”. “Mi hai già fatto divertire abbastanza/diverti ora qualcun altro”: un'esortazione in cui si può leggere la storia della Gallinara e forse la storia di ogni isola. Dettata per gli uomini, ma anche per il misterioso libro del tempo, la lapide vuole ricordare il destino di inappartenenza delle cose o, per lo meno, la loro provvisorietà.
Tanti - essa dice - sono passati sull’isola, ma nessuno vi è rimasto. La loro traccia è diventata ombra di memoria sommersa dal vento, dalla vegetazione, essa sì immarcescibile, come le rocce e il mare. D’inverno l’improvviso fiorire dell’elleboro; i fichi d’india in estate e, a primavera, nel verde smeraldino che ritaglia i sentieri l’occhieggiare curioso dei narcisi. Tra i bagliori della macrostoria e il silenzio della microstoria, la Gallinara continua la sua vita colma di misteri. L’uomo, al contrario dell’isola, ha vita brevissima. Ecco perché. quando l’abbandona, lo stato di natura prende il sopravvento. La storia si pietrifica, sembra non essere mai esistita e come forse avveniva alle origini ritornano a campeggiare il mito e la leggenda. La Gallinara - con i suoi naufragi, i suoi santi, l’abbazia scomparsa, il suo lato mediterraneo e il suo lato africano, il cimitero e la chiesa, il cristianesimo e i saraceni - contiene storia e leggende. Non è di tutti, ma per tutti può diventare immagine mitica. Qui ognuno può essere Ulisse che incontra Penelope, Nausicaa, Circe ed Ogigia: oltre naturalmente a incontrare se stesso.


<< Torna Indietro




Camping Delfino - Via Aurelia, 23 - 17031 Albenga (SV) - Tel. & Fax +39.0182.51998 - Tel. +39.0182.591066 - info@campingdelfino.it - p.iva: 00938590098

Deutsch